Alla scoperta dei segreti del mare

Categoria
Condividi

Con l'intento di preservare e proteggere il patrimonio marittimo, alcune destinazioni di mare slovene e croate dell'Adriatico settentrionale si sono riunite nel progetto Mala Barka 2. Insieme hanno preparato alcune proposte di viaggio, per andare alla scoperta delle nostre tradizioni marittime e marinaresche. Percorriamo insieme un tratto degli itinerari... pronti per partire?

A proposito delle storie di mare a Isola

Il sentiero ci porta innanzitutto a Isola, il regno del pesce, con le sue storie molto interessanti. Nell'area antistante l'ex-strada costiera che univa la città con Capodistria, si era incagliato il Rex, il transatlantico più veloce e moderno degli inizi del XIX secolo. Vantava un'altezza di 40 metri, con 12 piani, e poteva ospitare 2.032 passeggeri. La nave che durante la Seconda guerra mondiale batteva bandiera tedesca, fu bruciata dopo il bombardamento aereo degli Alleati. I suoi resti furono successivamente saccheggiati e per riciclarne il ferro.

Potrete scoprire altre storie interessanti, soprattutto relative alla pesca a Isola, presso_ Izolana - la casa del mare, dove una serie di fotografie, video e vari oggetti vi illustreranno il carattere marinaresco di Isola. La pesca divenne una delle industrie più importanti già nel Medioevo, lasciando nella città un segno profondo e ancora oggi evidente. Alla Izolana non si annoieranno neanche i più piccini, che potranno imparare a pescare insieme a Bepi o a realizzare veri nodi marini. I visitatori potranno esplorare Isola e conoscerne la storia grazie alla realtà virtuale e guardando i video disponibili.

Una passeggiata per le vie di Pirano

Pirano si trova non lontano da Isola, un gioiello sloveno sul mare, una città cresciuta sul sale. Le vie di Pirano nascondono molte storie, che potrete ascoltare anche nel Museo del mare "Sergej Mašera". A pochi passi dal centro storico, rimarrete colpiti dall'ex-magazzino del sale Monfort, sulla strada per Portorose, dove grazie al progetto Mala Barka 2 è stato creato un nuovo centro informazioni. Negli ex-magazzini del sale sta inoltre nascendo una replica della barca “topo”, che sarà varata il 21 marzo. La topo era una imbarcazione tradizionale istriana, soppiantata in seguito dalle imbarcazioni in plastica: ora è visibile solo sulle vecchie cartoline di Capodistria, Isola e Pirano. Il varo di questa imbarcazione di 10 metri sarà un vero e proprio evento!

Fiume - un simbolo marinaresco

L'Istria slovena non dista molto dal Quarnaro. Stiamo partendo per un viaggio in direzione di Fiume. Un viaggio che delizierà tutti gli amanti del patrimonio marittimo. Sarà possibile rivivere la storia della barca a vela Stefan di Fiume, naufragata in Australia nel 1876. I dettagli di questo evento sono conservati ancor oggi nel giornale di bordo presso il Museo marittimo e storico del litorale croato di Fiume. Mentre camminate per la città, non perdete di visita il suo porto, il cantiere navale, la scuola navale Bakar e la Facoltà di studi marittimi. Gli appassionati dei sapori del mare di sicuro non riusciranno a resistere al richiamo del mercato del pesce di Fiume.

Miti sugli animali marini

Da Fiume proseguiamo verso Moščenićka Draga, un'altra località sul mare famosa per gli animali mitici che abitano i fondali della Baia del Quarnaro e per i suoi abili pescatori. Sapete già di chi stiamo parlando? Dei gamberi del Quarnaro, naturalmente! Sono il simbolo principale dei marchi Kvarner Gourmete Kvarner Food, e vi aiuteranno a scegliere tra le numerose konobe e i ristoranti locali: il marchio all’ingresso è garanzia di qualità.

Vi consigliamo di visitare anche la Casa del mare, a breve distanza dal lungomare della città. Gli oggetti esposti nella casa vi parleranno principalmente della vita dei pescatori. Da Moščenićka Draga potrete ammirare la vista sulle isole vicine, che nascondono altre interessanti storie di mare.

Alla scoperta di altri segreti del mare

Il viaggio alla scoperta dei segreti del mare non termina a Moščenićka Draga, ma continua anche ad Abbazia, sull'isola di Veglia, a Lussinpiccolo e nell'Istria croata, a Rovigno. Tutte queste destinazioni sono collegate da un unico filo conduttore: il ricco patrimonio marittimo. Fate attenzione: in ogni località troverete qualche barca restaurata, ma non necessariamente in mare. Le destinazioni sono collegate anche da itinerari comuni, lungo i quali sono state installate segnaletiche speciali, che indicano edifici importanti e oggetti in qualche modo legati al mare. Le informazioni per raggiungerli sono disponibili in tutti i centri informazioni nell'area dell'Adriatico settentrionale. Vi attendiamo inoltre con piacere al Centro informazioni turistiche di Isola, all'indirizzo Sončno nabrežje 4.

Museo virtuale - A custodia del patrimonio marittimo

Gli amanti del patrimonio marittimo potranno ammirare tutti i monumenti più importanti nel museo virtuale creato grazie al progetto. A tal fine, gli esperti del patrimonio culturale hanno elaborato un'enorme banca dati che raccoglie il patrimonio marittimo di tutte le destinazioni partecipanti.


Il nostro sito web utilizza i cookies.

Accetta e Continua Di più sull’uso dei cookies